Eventi Fondazione

<<  June 2017  >>
 Mo  Tu  We  Th  Fr  Sa  Su 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Ultime News

VALERIA GRASSO NON SEI SOLA

Print
PDF

Cara Valeria la Fondazione Caponnetto non ti lascerà sola e ha intenzione di seguire il tuo caso da vicino. Si avvicina tra l'altro il vertice antimafia e la Fondazione Caponnetto anche in quel caso l'avrai al tuo fianco

FONDAZIONE CAPONNETTO SOLIDALE CON SEN. GIARRUSSO

Print
PDF

Mafia: minacciato senatore 5 Stelle Giarrusso
(AGI) - Roma, 5 nov. - "La Fondazione Antonino Caponnetto denuncia delle minacce mafiose indirizzate al senatore Mario Michele Giarrusso che, oltre ad essere esponente della commissione parlamentare antimafia, e' anche membro del nostro ufficio di presidenza. La Fondazione Antonino Caponnetto si pone subito al fianco del proprio esponente portandogli la propria totale solidarieta'". E' quanto scrive, in una nota, il Presidente della "Fondazione Antonino Caponnetto", Salvatore Calleri. Il senatore Giarrusso, secondo quanto apprende l'AGI, e' stato minacciato su Facebook da un esponente del clan "Cursoti Milkanesi" della mafia di Catania. (AGI) Rmx/Pgi

INIZIATIVA A MESSINA PATROCINATA DA FONDAZIONE CAPONNETTO

Print
PDF

Giovedì 27 ottobre, presso l'Aula Magna della Corte di Appello di Messina, avrà luogo l'evento dal titolo “I cittadini sordi. Il loro reale godimento dei diritti inviolabili e del diritto alla difesa”
Ogni anno nascono in Italia dai mille ai 1.500 bambini sordi (oltre il 50% per cause genetiche), mentre 55 milioni di cittadini europei hanno deficit uditivi. Una situazione che rischia di aggravarsi, come è stato spiegato dall'Airs: “Laddove non si intervenga con idonee strategie preventive, si prevede un incremento del 2% alla fine del prossimo decennio”. Le cause maggiori sono l’invecchiamento crescente della popolazione e la maggiore incidenza di agenti inquinanti tossici e acustici.
Alcuni dati forniti dall'Associazione italiana per la ricerca sulla sordità (Airs) ci permettono infine di completare il quadro sulla tematica: secondo recenti stime fornite dall'Associazione, la sordità rappresenta la più frequente patologia degli organi di senso, colpendo il 12% della popolazione.
La Sicilia, secondo gli ultimi dati del 2015, si pone come la regione più colpita dal problema della sordità, con oltre 9000 cittadini coinvolti, seguita a ruota da Piemonte (6000), Lombardia (5700) e Lazio (5200).
Nello specifico, verrà analizzato lo stato attuale di godimento dei diritti inviolabili costituzionalmente garantiti ai cittadini, ma che di fatto non possono essere goduti dai sordi per la mancanza di un riconoscimento della Lingua dei Segni, e per la mancanza di applicativi ICT negli ambiti del quotidiano, in grado di integrare il non udente a tutti gli effetti e consentirne lo sviluppo umano e delle proprie capacità come dall'Unione europea auspicato con diverse direttive già negli anni ’80.
L'evento non esaurirà la sua efficacia in un mirabile discorso teorico, ma il suo reale obiettivo sarà quello di dar vita ad un disegno di legge di revisione del codice penale e di procedura in materia: ad oggi, infatti, non sono pochi gli ostacoli che le persone non udenti affrontano nel loro percorso di vita quotidiano e di integrazione all'interno del tessuto sociale.
L'incontro, che avrà inizio alle 9.30, si propone come una giornata di studio e dibattito intorno allo stato attuale dei diritti delle persone non udenti. La tematica sarà l'occasione per un confronto fra gli operatori di Polizia Giudiziaria, il comparto giustizia, le associazioni dei sordi, la Fondazione Caponnetto rappresentata da Giusi Badalamenti, l'associazione Suggestioni Mediterranee (organizzatrice dell'evento), la presidenza della Regione Siciliana, il Senato della Repubblica, il Garante dei Detenuti e i promotori del sistema di video center, che nel Lazio opera già attivamente a favore dei non udenti. Interveranno, altresì, diversi esponenti del mondo universitario.
.

CALLERI SU USURA A SIENA E IN TOSCANA

Print
PDF

INTERVENTO A I-SIENA

SOLIDALI CON BORROMETI CONTRO MAFIA

Print
PDF

lunedì 26 settembre 2016, 15.46 Mafia: minacce a Borrometi, Fond. Caponnetto "lottiamo con lui" Mafia: minacce a Borrometi, Fond. Caponnetto "lottiamo con lui" = (AGI) - Ragusa, 26 sett. - La Fondazione Caponnetto e' presente in modo massiccio al processo che vede come parte offesa Paolo Borrometi, collaboratore dell'Agi. C'e' il presidente Salvatore Calleri, ma anche i referenti della Fondazione per Palermo, Catania e la Gran Bretagna, Giusi Badalamenti, Sandro Distefano e Claudio Loiodice. "Non permetteremo che la mafia tocchi un capello a Paolo, amico e membro del nostro ufficio di presidenza. In particolare seguiamo Paolo e il suo caso - spiega Calleri - da quando e' sorto e per lui ci siamo battuti sin da subito. In una terra come quella di Ragusa non abituata ad avere la mafia nel suo territorio, si ha difficolta' a seguire queste tematiche, e lo stesso avviene nel centro-nord. Ma la mafia qui, nella provincia definita 'babba', stupida, esiste e che la situazione sia totalmente diversa lo abbiamo scoperto anche attraverso le inchieste di Paolo sul sito Laspia". (AGI)

BUON COMPLEANNO NONNO NINO

Print
PDF

Il 5 settembre 1920 nasceva Antonino Caponnetto.

Gli abbiamo regalato un blog.

antoninocaponnetto.blogspot.com

Copyright ©2009 AntoninoCaponnetto.it - All right Reserved by Esociety.it & www.dipleedizioni.it

Questo sito web usa i cookie (anche di terze parti) per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla legge sulla cookie policy. Ulteriori informazioni.

Accetto i cookie.

EU Cookie Directive Module Information