Eventi Fondazione

<<  May 2017  >>
 Mo  Tu  We  Th  Fr  Sa  Su 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

Ultime News

INIZIATIVA AD ABANO CONTRO L'OMERTÀ

Print
PDF

Dalla riflessione sulle tragedie di ieri, si volge l’impegno del presente, per un futuro da disegnare con i caratteri dell’ideale, l’ideale per cui tanti giovani sono ancora disposti a lottare, l’ideale per cui molti uomini e donne indimenticati, indimenticabili, hanno sacrificato la loro vita. In serata, invece, la memoria della strage viene proposta a tutta la cittadinanza, quella strage in cui persero la vita, oltre al giudice, Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Sopravvissero all’attentato: Paolo Capuzza, Gaspare Cervello, Giuseppe Costanza e Angelo Corbo.Lo stesso copione viene proposto al mattino ai ragazzi delle scuole di Abano Terme, in continuità ideale con la volontà del giudice Caponnetto, che dedicò gli ultimi anni della sua vita a girare per le scuole, invitando i giovani a reagire ai soprusi, diventando ‘giovani sentinelle della legalità’. I 400 studenti parteciperanno gratuitamente all’evento offerto dai concittadini grazie alla promozione del ‘biglietto sospeso’, prassi consolidata della Fondazione Caponnetto.Poi parlerà Angiolo Pellegrini, brillante ufficiale dei carabinieri, che ha lottato accanto a Falcone, e ha reso la testimonianza di quei momenti nel libro “Noi, gli uomini di Falcone”. Capitano dei carabinieri a Palermo nel 1981, Angiolo ha guidato la sezione anticrimine, ed ha effettuato le indagini sugli omicidi, sulla criminalità, sul lungo cammino di dolore, che per la mafia è normale pratica affaristica.   La lotta a Cosa Nostra si è fatta serrata e vincente, con le indagini confermate con la sentenza di primo grado del maxiprocesso datata 16.12.1987. Angiolo Pellegrini ci dirà cosa non ha funzionato in seguito, perché la mafia spande ancora il suo orrore, perché non vinse lo stato, se non alcune importanti battaglie, perché la guerra non è ancora volta al termine. Con lui parlerà anche il dottor Domenico Bilotta, responsabile nazionale scuola della Fondazione Antonino Caponnetto, che ha organizzato l’evento.  Ivan interpreta i quattro protagonisti Giovanni Falcone, Tommaso Buscetta, Michele Greco, Totò Riina; ma anche tutti gli altri protagonisti, ritagliati sullo sfondo etico di chi sa servire lo stato fino al sacrificio, e di chi lo umilia con il compromesso. In uno splendido intrecciarsi di emozioni, Giovanni Falcone, rappresentato da una giacca chiara, convince Tommaso Buscetta che non esiste più l’“uomo d’onore”, ma soltanto “l’uomo” e “mi creda, Buscetta, sarà la cosa più difficile”. Ivan Di Noia, giovane attore di Barabao Teatro, vide da bambino alla televisione la strage e avvertì dentro di lui che l’infanzia se ne era andata, tumultuosamente segnata dalla crudeltà di un mondo che non riconosceva più. Ora propone alla cittadina termale la sua splendida rivisitazione del maxiprocesso alla mafia, “Omertà. Capaci, 23 maggio 1992”, realizzata dal teatro Barabao, per la regia di Romina Ranzato, con l’organizzazione di Micaela Grasso, coordinatrice di Teatro Ragazzi Calendoli (prenotazioni telefono 3939812287). Abano Terme commemora l’anniversario della strage di Capaci, unendo nello spazio della stessa serata due diversi momenti di riflessione: la brillante rappresentazione scenica di Ivan Di Noia sul maxiprocesso alla mafia; l’intervista al generale Angiolo Pellegrini, che fu tra i più validi aiuti di Giovanni Falcone. Due momenti diversi, ma ugualmente allineati idealmente, votati a non interrompere il filo della memoria che tiene vivo lo sdegno per le stragi di mafia. 
Intervista al Generale Angiolo Pellegrini, autore del libro "Noi, gli uomini di Falcone"Omertà, Capaci 23 maggio 1992via S. Pio X 1, Abano Terme (PD)Cinema Teatro Marconi In memoria della strage di Capaci 22 maggio 2017
COMUNICATO STAMPA 22 maggio

REPORT SU INFILTRAZIONI CRIMINALI A SAN MARINO 2016/17

Print
PDF

Venerdì 19 maggio è stato presentato il report della Fondazione Caponnetto su San Marino.

 

LINK REPORT

 

LINK RASSEGNA STAMPA WEB

DOLORE PER LA SCOMPARSA DEL PROF. PAPISCA

Print
PDF

E' morto Antonio Papisca, professore emerito dell'Università di Padova oggi 16 maggio 2017
Si è spento all'età di 80 anni Antonio Papisca, professore emerito dell'Università di Padova dove ha insegnato Tutela internazionale dei diritti umani e Organizzazione internazionale dei diritti umani e della pace nella facoltà di Scienze politiche. La Fondazione Caponnetto esprime il proprio dolore per la scomparsa di tale persona che ha formato tantissimi poliziotti ed altrettanti cittadini. Il suo lavoro professore rimarrá per sempre.

Il“

Potrebbe interessarti: http://www.padovaoggi.it/cronaca/antonio-papisca-morto-professore-universita-padova-16-maggio-2017.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/PadovaOggi/199447200092925

Mafia: Fond. Caponnetto, non esiste par condicio con antimafia, è ora di finirla

Print
PDF

Mafia: Fond. Caponnetto, non esiste par condicio con antimafia, è ora di finirla

 

 

(AGI) – Roma, 10 apr. – “E’ ora di finirla. La mafia rappresenta il male assoluto e con il male non si tratta. Purtroppo aver dato spazio ai figli dei boss mafiosi in Tv ha portato oggi a questa situazione folle”. Lo afferma, in merito all’inchiesta dell’AGI sulla "storia del boss mafioso che chiede il diritto di replica a scuola", il presidente della Fondazione Caponnetto, Salvatore Calleri.

Calelri aggiunge che “la Fondazione Antonino Caponnetto ritiene che non esiste la possibilità che ci ci si trovi di fronte ad una sorta di par condicio tra la mafia e l'antimafia”. (AGI)

 

 

QUANDO CAPONNETTO STRONCO' IL REFERENDUM SULLA BICAMERALE

Print
PDF

Interessante documento.

 

http://antoninocaponnetto.blogspot.it/2017/04/antonino-caponnetto-quando-stronco-il.html

CONDANNATO CHI HA MINACCIATO BORROMETI

Print
PDF

Mafia: Fondazione Caponnetto, bene condanna per minacce Borrometi (AGI) - Roma, 3 apr. - La Fondazione Antonino Caponnetto, si legge in una nota, "plaude oggi al fatto che chi ha minacciato il giornalista Paolo Borrometi sia stato condannato. I giornalisti non si minacciano e noi siamo con loro. Detto questo occorre tenere alta la guardia su quanto avviene a Vittoria, dove c'e' la mafia". (AGI) Red/Rap

Copyright ©2009 AntoninoCaponnetto.it - All right Reserved by Esociety.it & www.dipleedizioni.it

Questo sito web usa i cookie (anche di terze parti) per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla legge sulla cookie policy. Ulteriori informazioni.

Accetto i cookie.

EU Cookie Directive Module Information