Ultime News

FOCUS 2017 SU FIRENZE AREA PIAZZA INDIPENDENZA

Print
PDF

FOCUS 2017 CRIMINALITA' E DEGRADO SU FIRENZE – AREA PIAZZA INDIPENDENZA

(comprendente via Panicale, via Guelfa, via Nazionale e strade limitrofe)

 

LINK

I RAGAZZI DEL GRUPPO SCOUT VIAREGGIO 3

Print
PDF

INCONTRI SIGNIFICATIVI

Siamo i ragazzi del gruppo scout Viareggio 3. Ogni anno scegliamo un capitolo (Argomento da sviluppare e su cui basare le nostre attività) e quest'anno abbiamo scelto la mafia, in senso lato e in particolare la criminalità organizzata sul nostro territorio. Abbiamo quindi deciso di andare in “Route invernale” (breve campo dal 27 al 29 Dicembre) a Firenze per incontrare chi sul tema ne sapeva certamente più di noi. Il primo giorno abbiamo incontrato Giuseppe Vitale, poliziotto della DIA in pensione e membro della Fondazione Antonino Caponnetto. Di Caponnetto aveva fatto parte anche della scorta. Con giaccone e coppola tirata giù ricordava un po’ il vice questore televisivo Rocco Schiavone, un po’ il mitico ispettore di Topolino, Manetta, con l'immancabile sigaro spento in bocca. Giuseppe, dopo averci presentato la fondazione e soprattutto la figura del magistrato a cui è intitolata, "Nonno Nino", ci ha spiegato anche con cenni storici alcune dinamiche e vicende mafiose integrando nel racconto le sue esperienze personali. Lo stesso giorno abbiamo incontrato anche Maurizio Pascucci, presidente dell'Associazione Fior di Corleone, che accompagnandoci per le vie di Firenze con il suo bimbo che gli mangiava patatine sulla testa sembrava il papà più affettuoso del mondo. Maurizio, collaborando strettamente con un senatore, ha svolto un ruolo importante nel portare avanti l'interrogazione parlamentare sulle infiltrazioni mafiose nel porto di Viareggio. Ha quindi soddisfatto le nostre curiosità, senza risparmiarci nomi e cognomi, riguardo alla criminalità organizzata sul nostro territorio, che purtroppo ha detto essere tendenzialmente omertosa, e ci ha esortato ad essere vigili su quanto accade a Viareggio e in Versilia. II secondo giorno, dopo l'incontro con un ufficiale della DIA, che ci ha spiegato tecnicamente come avvengono difesa e indagini contro le mafie, Giuseppe e Maurizio ci hanno accompagnato in via dei Georgofili, dove la notte del 27 Maggio 1993 furono fatti esplodere 277 kg di esplosivo che provocarono la morte di cinque persone. Ci hanno mostrato il percorso fatto dall'autobomba e abbiamo riflettuto insieme sull' importanza della memoria, perché la mafia si combatte anche con la cultura e la consapevolezza. Prima di salutarci abbiamo visto in Piazza della Signoria un bene confiscato alla mafia. Siamo stati incoraggiati come gruppo scout a prendere in gestione temporanea un fondo della nostra città sequestrato alla criminalità organizzata. Un luogo dove prima si facevano malaffare ritornerebbe a disposizione di cittadini onesti e avrebbe anche un bel valore simbolico. Al termine di questa Route siamo tornati arricchiti e maggiormente consapevoli. Siamo partiti abbastanza titubanti su come mettere in atto concretamente il Capitolo scelto e torniamo a casa non con delle risposte ma con degli stimoli per agire anche nel nostro piccolo contro ogni evento connesso all'illegalità e alle mafie. Cercheremo, tra una partita di calcetto e un'apericena, di sensibilizzare parenti, amici e colleghi sul fatto che la mafia esiste, è vicina a noi ed “è una montagna di merda” (P. Impastato). Ringraziamo Maurizio, Giuseppe, la DIA è tutti coloro che hanno reso i nostri incontri significativi.

I ragazzi del gruppo scout Viareggio 3

IL 22MO VERTICE ANTIMAFIA... UN BEL VERTICE

Print
PDF

UNA PENSIONE PER ORIOLES

Print
PDF

Riccardo Orioles. Ho conosciuto Riccardo Orioles ai tempi del mio impegno antimafia degli anni 90. Ci siamo frequentati, non tanto, ma ci siamo frequentati. L'ho sempre considerato una persona brava, onesta, strana ed eremita a modo suo. Una persona libera ma al contempo prigioniera della sua libertà.

CONTINUA SU

LINK

COME COMBATTERE LA MAFIA NEL 2017

Print
PDF

La mafia rappresenta il male assoluto. Non va mai dimenticato... Come spesso accade.

Parlare di mafia in questo periodo e di come la si combatte rende in automatico scomodi, ma tant'è qualcuno lo deve fare. Proverò come di consueto ad essere analitico compilando una sorta di lista delle cose utili per combattere la mafia.

CONTINUA SU:

LINK

Copyright ©2009 AntoninoCaponnetto.it - All right Reserved by Esociety.it & www.dipleedizioni.it

Questo sito web usa i cookie (anche di terze parti) per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla legge sulla cookie policy. Ulteriori informazioni.

Accetto i cookie.

EU Cookie Directive Module Information