Eventi Fondazione

<<  May 2016  >>
 Mo  Tu  We  Th  Fr  Sa  Su 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

INIZIATIVA A SIRACUSA IL 27 MAGGIO SUL MEDITERRANEO

Print
PDF

SOLIDARIETÀ AD ANTOCI

Print
PDF

COMUNICATO STAMPA Solidarietà della Fondazione Caponnetto a Giuseppe Antoci (Parco dei Nebrodi): “La mafia resta il primo dei problemi dell'Italia” Firenze, 18-5-2016 - La Fondazione Antonino Caponnetto esprime "la propria totale solidarietà a Giuseppe Antoci" e ringrazia le forze di polizia "per la pronta reazione che ha evitato il peggio. Giuseppe Antoci non verrà lasciato solo nel suo importante lavoro al Parco dei Nebrodi". La Fondazione Antonino Caponnetto spera che "quanto avvenuto faccia capire a tutti che la mafia, che ha ripreso a sparare in uno scontro diretto con le scorte, è il primo problema del Paese. La mafia che oggi ha colpito è quella antica dei tortoriciani, ossia una forma molto violenta. Lo Stato non abbassi la guardia".

ARTICOLI DAL BLOG

Print
PDF

SUL CASO DI PINO MANIACI

 

I MESSAGGI DI RIINA JR

 

IL PAPELLO ED IL 41BIS

 

LA CORRUZIONE

INTERROGAZIONE SEN LUMIA SU BENE CONFISCATO IN PIAZZA SIGNORIA

Print
PDF

ePub Versione per la stampa Mostra rif. normativi Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-05740 Atto n. 4-05740 Pubblicato il 3 maggio 2016, nella seduta n. 619 LUMIA - Al Ministro dell'interno. - Premesso che, secondo quanto risulta all'interrogante: a Firenze, in piazza della Signoria n. 7, vi è un edificio del Cinquecento, che, da quanto si apprende, dalle notizie di stampa ben riassunte in un blog è stato confiscato al signor Raffaele Monticelli. Nel 2002 il signor Monticelli era stato condannato dal GUP del tribunale di Foggia a 4 anni di reclusione per essere il promotore di un'organizzazione, finalizzata alla ricettazione di reperti archeologici; nell'Osservatorio dei beni confiscati della Regione Toscana non è presente l'appartamento confiscato sito in piazza della Signoria all'interno di palazzo Uguccioni; sembra che gli enti locali e la Regione Toscana non abbiano esercitato su richiesta dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC) il loro diritto di prelazione per il riutilizzo sociale dell'immobile confiscato alle mafie; la fondazione "Antonino Caponnetto" con sede a Firenze, nel settembre 2015, ha chiesto in un incontro effettuato con il direttore generale prefetto Umberto Postiglione, l'assegnazione all'ANBSC per 2 immobili siti a Firenze: un immobile sito in via Giotto confiscato ad un usuraio fiorentino da destinare ad uso di sede operativa del progetto di educazione alla legalità e cittadinanza attiva denominato "Sentinelle della legalità" che vede coinvolte molte scuole presenti in Toscana, Veneto, Lazio, Sardegna e Sicilia, ed un secondo immobile, in piazza della Signoria, per utilizzarlo come luogo di memoria della strage mafiosa avvenuta nella notte tra il 26 e 27 maggio 1993 in via dei Georgofili che dista dal luogo poche centinaia di metri, si chiede di sapere: se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dell'eventuale mancato censimento nell'Osservatorio della Regione Toscana dell'appartamento confiscato sito in piazza della Signoria all'interno di palazzo Uguccioni; se sia a conoscenza dell'assegnazione dell'appartamento confiscato ed eventualmente chi sia il gestore e se l'utilizzo sociale del bene sia attuato come previsto dalla legge.

FONDAZIONE CAPONNETTO: NO AL RIDIMENSIONAMENTO DEL 41 BIS

Print
PDF

14:20, Giovedì 7 Aprile 2016 AGI Globale Cronaca cod. R010287 914 car. Mafia: Fond. Caponnetto, no a ridimensionamento 41 bis (AGI) - Roma, 7 apr. - "La Fondazione Caponnetto esprime la propria preoccupazione per la richiesta di ridimensionamento del carcere duro per i mafiosi che esce dalla bozza del rapporto sul 41 bis. Non dobbiamo dare l'impressione che le richieste contenute nel c.d. Papello di Toto' Riina siano state accolte. E' mai possibile che il giorno dopo che il libro del figlio di Riina presentato alla RAI approda in Senato un rapporto demolisce il 41 bis? E' mai possibile che ancora oggi qualcuno non comprenda che il 41 bis non lede i diritti umani ma rappresenta solamente uno strumento per bloccare le comunicazioni esterne dei boss?". Lo ha affermato all'AGI il presidente della Fondazione "Antonino Caponnetto", Salvatore Calleri, relativamente alla relazione della Commissione straordinaria "Diritti Umani" che verra' discussa oggi pomeriggio. (AGI) Rmx/Pgi

Copyright ©2009 AntoninoCaponnetto.it - All right Reserved by Esociety.it & www.dipleedizioni.it

Questo sito web usa i cookie (anche di terze parti) per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla legge sulla cookie policy. Ulteriori informazioni.

Accetto i cookie.

EU Cookie Directive Module Information